STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Storia vera di cornamia moglie scopata in trenola moglie del titolarela mia ragazza 23enne arrapata e porcellinaLa gang bang come punizione piacevole!!infedelela cugina di mia moglieIl nuovo locale
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

In tre...ma da sola
Scritta da: baciami (1)

Tre amiche all'ora dell'happy hour, tre sempre insieme in palestra e ogni tanto la sera in qualche ristorantino alla moda, tanto per staccare dal quotidiano un po' monotono, famiglia, casa, lavoro ecc. ecc. Vittoria è la più sexy e provocante di noi tre, Lisa la più intraprendente, io la più svogliata perchè credo sempre meno che qualcosa o qualcuno verrà a salvarmi. Dunque da un po' di giorni mi sono presa i miei tempi, ho mollato le altre due e ho deciso di vivermi da sola sprazzi di eccitazione. A salvarmi in questa mia solitaria ricerca di una novità è il rapporto meraviglioso che ho con il mio corpo, non nascondo che il godimento maggiore l'ho sempre raggiunto facendomi ditalini infiniti, niente penetrazioni, non ne ho voglia per ora, ma carezze, dita che frugano nella mia fica bagnata, il medio che mi sfiora il buchetto del culo e che entra lentamente ma inesorabilmente fino a farmi sentire piena...Questo, ora, è ciò che mi piace e non solo. Non voglio uomini ma cazzi da guardare, donne da spiare in qualche auto parcheggiata al buio di una pineta, ragazzi che si masturbano in un angolo della città, odori che annuso subito dopo sui luoghi del sesso, come un cane da tartufi. E vengo, vengo ripetutamente solo sfiorandomi il clitoride, stringendomi i capezzoli sotto la camicia di seta aperta, portando alle narici le mie dita sporche di sesso che odorano di me, di me come sono dentro, nella profondità della mia fica stretta rasata a perfezione, tra le pareti del mio culo sodo pronto ad essere torturato da graffi e sputi, tra le dita dei miei piedi lunghi e ossuti, arrivo a leccarle a fatica ma lo faccio, una ad una, come se succhiassi il sesso di un ragazzo ancora vergine.
Vittoria e Lisa devono aver capito qualcosa, anche se io non ho mai confessato le mie piccole perversioni solitarie, fino a che un giorno, mentre lentamente con la mia auto passavo in una stradina semibuia dove spesso si accampano coppiette vogliose, ho visto in una macchina ferma davanti ad una statua loro due, Lisa e Vittoria che litigavano furiosamente. Mi sono appostata in modo da poter vedere la scena anche se le loro parole non mi arrivavano. Perchè loro due propio qui, in quella che definisco la strada del peccato? Perchè a quest'ora della notte? Stavo per scendere dall'auto per andarle a salutare, per chiedere spiegazioni quando in una frazione di secondo, Lisa ammutolita allunga un braccio attorno alla schiena di Vittoria e le loro bocche si uniscono in un lungo bacio, le lingue bollenti che si cercano, la mano di Vittoria che scende in basso, forse sulla fica di Lisa che ora piega la testa indietro come se stesse godendo. Vittoria le lascia la bocca, l'osserva in silenzio poi sputa sul viso di Lisa che sembra chiedere "ancora, dai fallo ancora" ed è un secondo schizzo che le arriva sugli occhi, sulle guance mentre la lingua di Vittoria si avvicina per andare a pulire tutto, a riprendersi qui getti di saliva regalati a Lisa. La mia eccitazione era totale, anche se mi sentivo stordita, preoccupata, sorpresa oltre ogni immaginazione...Lisa e Vittoria scopavano insieme chissà da quanto tempo a mia insaputa.
Mentre i pensieri viaggiavano la mia mano viaggiava anche'essa sotto la gonna, scostava la mutandina ed tre dita erano già bagnate di me, le portavo alla bocca e mi eccitavo ancora di più mentre continuavo a vedere le mie amiche ormai sempre più infoiate. Lisa si era alzata sul sedile, vedevo il suo culo nudo che scendeva lentamente e poi risaliva, Vittoria era distesa ad aspettare che Lisa la soffocasse tra le sue natiche, avvertivo qualche grido soffocato mentre Lisa abbassava la testa per incontrare la fica di Vittoria, aveva voglia di berla fino all'ultima goccia...Il mio sedile era bagnato, avevo già goduto due volte, il mio culo appiccicoso aspettava solo la penetrazione finale e allora è il manubrio del cambio a fare il resto. Mi tiro su, ci sputo sopra e lo infilo con forza dentro come a volermi squarciare, voglio soffrire, piangere, stanotte voglio farmi male sul serio...
Mi svegliai il mattino dopo con ancora negli occhi la visione di quelle due troie di Vittoria e Lisa che si inculavano con le lingue quando il mio telefonino mi avvertì che c'era un messaggio. Era di Lisa "Ciao Marina, solo per dirti che qui ci si diverte un sacco. Io e Vittoria siamo a Praga da tre giorni, quando torniamo ti raccontiamo...kiss Lisa".
Il cuore mi batteva forte. Mi alzai dal letto, gli occhi perduti nel nulla. Chi erano dunque quelle due donne che mi avevano fatto godere come una troia la notte scorsa?
By Baciami

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 16): 6.5 Commenti (3)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10