STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
la donna del frantoioDenunciail dvd porno e il mio vibroManuelafotografia che passione...in gita a l'elba con Laura e Cristiano"Mi sono fatta scopare per avere il lavoro
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Le tette di burro della zia -prima parte-
Scritta da: pornomadnessboy (2)

1


Era una di quelle giornate noiose. Una delle più schifose che abbia mai vissuto.
O per meglio dire: sembrava proprio il giorno più orribile della mia vita. Ma non fu così, Dio sia ringraziato.
Dicevo. La giornata era cominciata male. Stefania mi aveva mollato proprio quella mattina e, per il resto, non sapevo proprio dove sbattere la testa. Avevo 24 anni e stavo con i miei. Non avevo lavorato un solo giorno della mia vita e le prospettive facevano schifo.
Avevo interrotto gli studi circa un mese prima. Molto probabilmente la scelta di frequentare l'università non era stata quella giusta. Avevo fatto un paio di anni e gli esami che ero riuscito a dare era andati davvero male. Forse avevo sbagliato indirizzo. Eppure pensavo che l'archeologia e i beni culturali in generali mi appassionassero sul serio. Invece. È proprio vero che a volte è difficile capire anche se stessi.
Comunque, ho appena detto che la mia ragazza mi aveva mollato. Ciò non era proprio vero. Ci eravamo lasciati di comune accordo. In fondo l'avevo capito da tempo che lei era solo una troia come poche. In realtà mi sono sempre piaciute le ragazze molto porche e Stefania era proprio una di quelle. Forse ci siamo lasciati perché nessuno dei due voleva una storia seria.
Sì, è stato proprio per quel motivo. Certo che però era una bella fregna. 22 anni, capelli corti e la mania dei jeans erano un suo simbolo, una scelta di vita. Aveva (e ha, mica è morta) un viso ovale e un corpo certo non perfetto ma assolutamente in forma. Anzi, in “forme”. Quante volte mi sono perso tra le sue tettone. Una bella quarta di seno da spagnola. Che cazzo di mammelle gonfie.
Mi ricordo benissimo di quella volta che andammo al cinema a vedere il codice da Vinci. Un film di merda, certo, ma della pellicola non m'importava proprio nulla. Lei aveva una maglietta troppo scollata(certo, era una troia coi fiocchi, lei) e ogni tanto mi prendeva la mano e se la portava sulla tetta destra invitandomi ad impastargliela tutta. Uscimmo dal cinema senza nemmeno aspettare la fine del film e andammo al mio appartamento.
Mentre eravamo nell'ascensore volli baciarla con tutto me stesso. Ogni volta che le nostre lingue s'intrecciarono, lei aveva il vizio di succhiare la mia, neanche fosse stato il mio cazzo duro. Mi spompinò la lingua fino a quando l'ascensore non si fermò. Poi uscimmo, sempre avvinghiati. Sicuramente la vicina era corsa a a vedere chi poteva essere arrivato. Era una pettegola in piena regola e credo proprio che ci stesse guardando dallo spioncino . Anche lei una bella tettona, però più matura. Quarantasei anni da favola. Ma di questa vacca parleremo più avanti...

Fine prima parte

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 42): 4.1 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10